HomeNewsUFFICIALE - Manovra stipendi, la Figc deferisce nuovamente la Juve: violata la...

UFFICIALE – Manovra stipendi, la Figc deferisce nuovamente la Juve: violata la lealtà sportiva

pubblicato il

Manovra stipendi, un nuovo processo per la Juve, tanto per cambiare. Ai bianconeri viene contestata la violazione dell’articolo 4.1, e dunque della lealtà sportiva. Il procedimento è previsto per giugno. Di seguito il comunicato pubblicato sul sito della FIGC:

Il Procuratore Federale Giuseppe Chinè, in relazione all’indagine “Trasmissione degli atti da parte della Procura della Repubblica di Torino contenuti nel fascicolo posto alla base dell’avviso ex art. 415bis cpp emesso in data 24/10/2022 a carico della società F.C. Juventus S.p.A e di suoi tesserati”, esaminati gli esiti dell’indagine penale e gli atti acquisiti dalla Procura della Repubblica di Torino; valutata l’istruttoria svolta in ambito disciplinare e vista la proposta del Procuratore Federale Aggiunto Giorgio Ricciardi e dei Sostituti Procuratori Federali Luca Scarpa e Alessandro D’Oria; ha deferito al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare la Juventus, a titolo di responsabilità diretta e oggettiva, ai sensi dell’art. art. 6, comma 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per gli atti e comportamenti posti in essere dai propri dirigenti:

e nell’ordine Andrea Agnelli (all’epoca dei fatti Presidente del Consiglio di Amministrazione), Pavel Nedved (all’epoca dei fatti Vice presidente del Consiglio di Amministrazione), Fabio Paratici (all’epoca dei fatti Chief Football Officer), Federico Cherubini (all’epoca dei fatti Head of Football Teams &Technical Areas), Giovanni Manna (all’epoca dei fatti D.S. della Under 23), Paolo Morganti (all’epoca dei fatti Head of Football Operations), Stefano Braghin (all’epoca dei fatti Direttore Settore Giovanile), ai quali viene contestata la violazione dell’art. 4, comma 1, del CGS per diversi atti e comportamenti relativi a 4  diversi aspetti oggetto dell’indagine: la manovra stipendi stagione 2019-20; quella per la stagione 2020-21; il filone agenti; i rapporti di partnership con altri club, per i quali di seguito viene riepilogato l’esito dell’indagine (nel deferimento tra l’altro sono indicati i 131 documenti, atti, verbali, contratti e corrispondenza via mail rilevanti ai fini dell’ istruttoria).

Manovre stipendi

Per quanto riguarda la manovra stipendi 2019-20, viene contestata ad Andrea Agnelli e Fabio Paratici (rispettivamente Presidente del Consiglio di Amministrazione e Chief Football Officer), per la rispettiva competenza, la violazione dell’art. 4, comma 1, del CGS (“principi di lealtà, correttezza e probità”), per avere depositato presso la Lega Serie A gli accordi di riduzione di 4 mensilità (marzo, aprile, maggio e giugno 2020) di 21 calciatori (Bentancur Colman Rodrigo, Bernardeschi Federico, Bonucci Leonardo, Chiellini Giorgio,  Cuadrado Bello Juan Guillermo, Da Silva Danilo Luiz, De Ligt Matthijs, De Sciglio Mattia.

Demiral Merih, Costa De Souza DouglasDybala Paulo Exequiel, Higuain Gonzalo Gerardo, Khedira Sami, Lobo Silva Alex Sandro, Matuidi Blaise, Pjanic Miralem,  Rabiot Adrien, Ramsey Aaron James, Dos Santos Aveiro Cristiano Ronaldo, Rugani Daniele,  Szczesny Wojciech) e dell’allenatore Sarri Maurizio, omettendo di depositare gli accordi economici di integrazione ovvero di recupero di 3 delle 4 mensilità rinunciate (aprile, maggio, giugno 2020) già conclusi con i medesimi calciatori e con l’allenatore, nella consapevolezza che gli accordi economici contenenti le integrazioni stipendiali per il recupero delle mensilità rinunciate sarebbero stati depositati dopo il 30.6.2020, ovvero dopo la chiusura dell’esercizio contabile al 30.06.2020, come poi effettivamente accaduto.

La stessa violazione, e in questo caso tra i dirigenti indagati c’è anche Pavel Nedved, vice presidente del Consiglio di Amministrazione, è contestata per la stagione 2020-21, in relazione agli accordi di riduzione stipendiale di importi sostanzialmente pari a 4 mensilità (marzo, aprile, maggio e giugno 2020) di 17 calciatori (Bentancur Colman Rodrigo, Bernardeschi Federico, Bonucci Leonardo, Chiesa Federico, Cuadrado Bello Juan Guillermo, Da Silva Danilo Luiz, Kulusevski Dejan, Lobo Silva Alex SandroMc Kennie Weston James Earl, Rabiot Adrien, Szczesny Wojciech.

Demiral Merih, Ramsey Aaron James, Ramos De Oliveira Arthur Henrique, Chiellini Giorgio, Dybala Paulo Exequiel, Dos Santos Aveiro Cristiano Ronaldo) nella consapevolezza che non vi sarebbe stata alcuna riduzione stipendiale effettiva, in quanto i medesimi importi sarebbero stati riconosciuti agli stessi calciatori (circostanza poi non verificatasi soltanto per Dybala e Cristiano Ronaldo) nelle stagioni sportive successive, così come già concordato fra le parti attraverso scritture private non riportate su moduli federali (le c.d. side letter).

Circostanza poi effettivamente verificatasi attraverso il deposito, successivamente al 30.6.2021, data di chiusura dell’esercizio contabile 2021 (salvo che per Arthur Melo, il quale ha percepito gli importi stipendiali rinunciati nella stagione 2022/23 a titolo di incentivo all’esodo) di accordi economici di integrazione stipendiale. Il tutto, inoltre, al fine di postergare negli esercizi successivi (2022 e, per alcuni, anche 2023) i costi correlati agli importi rinunciati dai calciatori prima del 30.06.2021, con ciò peraltro violando il principio contabile di competenza economica e, dunque, in tal modo violando il principio di par condicio con le altre società consorelle della Lega di A, in punto di equilibrio economico finanziario.

Rapporti con gli agenti

Per quanto riguarda il terzo filone di indagine, quello relativo ai rapporti con gli agenti, viene contestata a Agnelli, Paratici, Nedved, e inoltre a Federico Cherubini, Head of Football Teams &Technical Areas, Giovanni Manna, D.S. della Under 23, Paolo Morganti, Head of Football Operations, Stefano Braghin, Direttore Settore Giovanile (attuale Head of Juventus Women), ciascuno per quanto di rispettiva competenza, la violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per aver violato i principi di lealtà, correttezza e probità, sia in via autonoma che in violazione e/o elusione di quanto previsto dall’art. 6.2, paragrafo 7, del Regolamento degli Agenti Sportivi della FIGC e in concorso con alcuni agenti in relazione ad una serie di trasferimenti, rinnovi di contratto o sottoscrizione di contratto da professionista.

In queste diverse situazioni comprese tra il 2015 e il 2022, secondo la Procura il club: avrebbe remunerato agenti sportivi per operazioni di trasferimento di calciatori in assenza di una reale attività di intermediazione dell’agente; si sarebbe avvalso, in relazione al trasferimento di alcuni calciatori, di un agente sportivo senza alcun conferimento di mandato; o in altri casi avrebbe conferito un mandato “fittizio/non veritiero” ad altro agente; o ancora avrebbe remunerato un agente con un corrispettivo in assenza di una reale attività di intermediazione al fine di compensare e sanare le debenze nei confronti dell’agente per la trattativa di un altro calciatore all’epoca dei fatti minorenne o “giovane di serie” (per il quale quindi non poteva essere pattuito alcun corrispettivo).

Al riguardo, copia degli atti istruttori relativi alle condotte poste in essere dagli agenti indagati (Davide Lippi, Gabriele Giuffrida, Giorgio Parretti, Antonio Rebesco, Luca Ariatti, Silvio Pagliari, Giuseppe Galli, Michele Fioravanti, Luca Puccinelli, Tullio Tinti, Vincenzo Morabito) è stata trasmessa alla Commissione federale agenti sportivi, per quanto di competenza.

Le operazioni per le quali vengono contestati gli addebiti ai dirigenti della Juventus e agli agenti, riguardano: il trasferimento del calciatore Spinazzola Leonardo alla A.S. Roma (del 30 giugno 2019); il trasferimento (giugno 2020) a titolo definitivo del calciatore Sene Kaly al Basilea FC; il rinnovo di contratto del 26 marzo 2020 del calciatore Chiellini Giorgio; il trasferimento in prestito con obbligo di riscatto del calciatore Rafia Hamza allo Standard De Liege (agosto 2021); il trasferimento a titolo temporaneo del calciatore Francofonte Nicolò alla Sampdoria (gennaio 2020); il trasferimento a titolo definitivo del calciatore Marricchi Filippo al Novara Calcio (agosto 2019).

Il trasferimento a titolo definitivo (gennaio 2019) del calciatore Kameraj Cendrim, al Lugano (Svizzera); il rinnovo contrattuale del calciatore Petrelli nella stagione sportiva 2019/20; il trasferimento (gennaio 2019) dal Genoa alla Juventus del calciatore Zanimacchia Luca; il trasferimento dal Pescara alla Juventus del calciatore Brunori Matteo Luigi (stagione sportiva 2019/20); il prolungamento, per la stagione sportiva 2020/21, del contratto del calciatore Ranocchia Filippo; il trasferimento, in data 22 giugno 2021, dalla Juventus al Lecce del calciatore Olivieri Marco; il trasferimento di Clemenza Luca al Pescara (31 agosto 2021); la stipula del contratto da professionista dei calciatori Oliveira Rosa Lucas, De Oliveira Andrade Wesley David, Portanova Manolo.

Rapporti di partnership con altri club

Infine, in relazione all’ultimo aspetto, relativo ai rapporti di partnership, la stessa violazione dell’art.4 comma 1, del CGS, è contestata, oltre che a Paratici, anche a Cesare Gabasio, soggetto che svolgeva attività all’interno o nell’interesse della società Juventus, per aver violato i principi di lealtà, correttezza e probità, in relazione al fatto di aver trattato, sottoscritto o comunque pattuito con le società Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Udinese, Bologna e Cagliari accordi confidenziali aventi ad oggetto operazioni di mercato relative all’acquisto e/o alla cessione e/o al riscatto di calciatori, senza provvedere al deposito della relativa modulistica federale presso la Lega di Serie A e/o provvedendo a depositare modulistica federale recante pattuizioni in tutto o in parte diverse da quelle effettivamente concluse, così tenendo una condotta di palese elusione della normativa federale che, per ragioni di trasparenza, impone di dare adeguata evidenza agli accordi aventi ad oggetto il trasferimento dei diritti alle prestazioni sportive dei calciatori.

Al riguardo, le posizioni dei club e dei rispettivi dirigenti che hanno realizzato tali rapporti con la Juventus saranno valutate all’esito delle ulteriori indagini in corso, ad oggi coperte da segreto istruttorio, a seguito della trasmissione degli atti dell’indagine penale da parte della Procura della Repubblica di Torino alle Procure competenti lo scorso 24 febbraio 2023.

ti potrebbero piacere

Skriniar: “Mai più in Italia? Non si può dire mai nella vita”

Milan Skriniar non chiude alle voci di mercato e soprattutto ad un ritorno in...

Collovati: “La Spagna ha dominato sotto tutti gli aspetti. Dimarco in difficoltà contro un 17enne”

Fulvio Collovati ha detto la sua dopo la sconfitta dell'Italia contro la Spagna. Gli...

Calciomercato, dall’Argentina – L’Inter fa sul serio per Brey del Boca

L'Inter ha un occhio di riguardo per il mercato in Sudamerica, specialmente in Argentina....